ARTICOLO SULLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

 

Molte persone con ridotte capacità motorie, visive o uditive, si trovano, purtroppo, ad essere ancora in parte discriminati, poichè uno scalino o la larghezza di una porta o il bagno inadeguato sono loro di impedimento nelle varie occasioni di vita sociale.

L’eliminazione delle barriere architettoniche è un diritto del cittadino sancito dalla Costituzione.
Con la legge n. 13 del 1989, sono state introdotte tre condizioni, che dovrebbero essere rispettate per qualsiasi edificio residenziale pubblico e privato:

l’accessibilità; l’adattabilità, la visitabilità.

Invece, nelle nostre città italiane, per mancanza di leggi che estendano l’applicazione della suddetta norma a tutti gli edifici aperti al pubblico e alle aree pubbliche stanziali e di pubblico transito, sono ancora presenti tante barriere architettoniche.

E’ scandaloso, però, che a violare le leggi e i diritti dei disabili sono proprio gli impedimenti esistenti presso i Tribunali e gli Uffici dei Giudici di Pace.

Alcuni Tribunali, per esempio, andrebbero chiusi immediatamente e i responsabili rimossi dall’incarico.

Essi, uguali a tanti altri Uffici Giudiziari Italiani:

impediscono l’accesso ai disabili, sia quando sono parti nel processo, sia quando sono testimoni;

sono inadatti all’attesa dei disabili durante le tante ore delle udienze;

sono mancanti di qualsivoglia servizio igienico, sia per i disabili sia per i non disabili.

Identica cosa è per gli Uffici Comunali di tanti paesi e città d’Italia.

Naturalmente, i disabili, come altre categorie deboli, non hanno rappresentanti politici e sindacali che li tutelano, quindi, anche loro, devono subire e tacere.

Per questi motivi abbiamo promosso una campagna contro le barriere architettoniche presso tutte le strutture pubbliche e private, siano essi di stanziamento o di transito.

Presidente Dr Antonio Giangrande ASSOCIAZIONE CONTRO TUTTE LE MAFIE

www.ingiustizia.info

ARTICOLO SULLE BARRIERE ARCHITETTONICHEultima modifica: 2009-12-04T14:14:09+01:00da rassegna-stampa
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento